Design ecosostenibile per mobili e oggetti di tendenza

Bergman Werntoft House
Bergman Werntoft House

Come sarebbe bello vivere in una casa completamente ecosostenibile, dove anche l’arredo è  “green” perché  realizzato con il recupero e la lavorazione di materiali di scarto.

Le persone ormai sono sempre più orientate  verso modelli di acquisto rispettosi dell’ambiente, in termini di risparmio di materie prime, riduzione di consumi energetici e contenimento delle emissioni di CO2. Peccato solo che i prezzi siano non propriamente “accessibili” a tutti, rischiando così di rimanere una fascia di mercato solo per pochi eletti! Augurandoci che questo tipo di produzione diventi la “regola” e non  “l’eccezione” vediamo qualche proposta trovata sul web.

Iniziamo con una cucina… fatta di carta…ma ovviamente non assorbe l’acqua…  si chiama Eco ed è realizzata con un materiale brevettato di nome PaperStone® ottenuto dall’impasto di carta riciclata, materiali di recupero post-consumo, olii naturali e resine non derivate dal petrolio. Il designer è un italiano, Alessio Bassan.

Cucina-eco-friendly-Paper-Stone

 http://www.keysbabo.com/progetti.html

Lo sapevate che la comunità di San Patrignano ha un laboratorio dove si producono oggetti in legno? Proprio così, sono stati presenti anche al Salone del mobile  l’anno scorso. Producono mobili e oggetti ricavati da vecchie barrique, che sono delle piccole botti  usate per far fermentare e affinare vini particolari. Ecco un esempio di cosa riescono a realizzare….una chaise longue di tutto rispetto. Un paio di cuscini e volià, il gioco è fatto.

 chaise longue con legno riciclato di barrique

http://barrique.sanpatrignano.org/it

Rimanendo in tema soggiorno, ecco un designer olandese, Piet Hein Eek, che realizza fra le altre cose  mobili di ogni genere con legni di recupero di ogni tipo.

collezione piet hein eek

http://www.pietheineek.nl/nl

E sì, ci vorrebbe anche una illuminazione a tema, allora si può prendere i considerazine la lampada Mendori di Artemide, realizzata con fibra rigenerata che dervia dalle bottigle in plastica Pet. Ha la caratteristica di mantenere la forma senza bisogno di struttura interna.

 mendori-by-issey-miyake-artemidehttp://www.artemide.com/index.action

E per il bagno non c’è niente? Certo che sì, si chiama Touch èd è un mobile per lavabo della Milldue realizzato con legno di abete recuperato e restaurato, sottoposto poi a un procedimento a fiamma che lo rende molto scuro.

 tocuh di milldue

http://www.milldue.com/

Qualcosa di più easy? Che ne dite di questa poltrona? Si chiama Avana e la fodera è realizzata in carta rafia, resistente all’acqua e con imbottitura in poliuretano. Le increspature e gli stroppicciamenti, tipici della carta, si formano con l’uso…carina no? Ha anche un prezzo ragionavole…

2 poltrona avana in carta riciclata

http://www.essent-ial.com/

Michael Iannone è un design che crea i suoi articoli con un particolare materiale chiamato Kirei. É un composto  realizzato con gli steli del sorgo (è un un sottoprodotto della produzione del riso) pannelli di bambu, sughero e  legno massello di scarto. Questa madia ne è un esempio

 madia in materiale riciclato-tile

http://www.iannonedesign.com/

La laguna di Venezia è puntellata da migliaia di ” briccole”, che altro non sono che tre pali in legno piantati sul fondale della laguna. Cosa c’entra? Questi pali di quercia vengono recuperati e lavorati per creare oggetti di uso quotidiano… come questa cassettiera di Rialto di Riva 1920

schema_rialto riva 1920

http://www.riva1920.it/it/prodotti/briccole/rialto/

E per la camera dei più piccoli… che ne dite  di questi elementi? Tamago di Merci Design  è un sistema modulare di sedute e tavolini fatti in pasta di carta, riciclabile al 100% . Essendo leggeri i moduli possono essere spostati facilmente e possono essere scarabocchiati a piacere con grossi pennarelli colorati. Il progetto è opera di un team lituano, impegnato nella realizzazione di prodotti a basso impatto ambientale.

moduli per camera bambini in pasta di carta

http://www.tamago.at/

Sapevate che…

ReMade in Italy è un  marchio per la certificazione di prodotti e materiali derivanti dal riciclo e dal riuso, realizzati in Italia, attesta quindi l’utilizzo di tali materiali nei prodotti.  Il rilascio della certificazione Remade In Italy è subordinato ad un processo di verifica da parte di un organismo di parte terza (quindi indipendente) accreditato da Accredia per le certificazioni di sistemi di gestione e di prodotto.

Il marchio Remade in Italy contiene di fatto le “informazioni” sulle caratteristiche di sostenibilità ambientale del materiale e del prodotto, in termini di risparmio di materie prime, riduzione di consumi energetici e contenimento delle emissioni di CO2. Se vi interessa saperene di più visitate il sito   http://www.remadeinitaly.it/

LabD

Autore:

Architetto e interior designer.

Lascia un commento

Inserisci i tuoi dati qui sotto o clicca su un'icona per effettuare l'accesso:

Logo WordPress.com

Stai commentando usando il tuo account WordPress.com. Chiudi sessione / Modifica )

Foto Twitter

Stai commentando usando il tuo account Twitter. Chiudi sessione / Modifica )

Foto di Facebook

Stai commentando usando il tuo account Facebook. Chiudi sessione / Modifica )

Google+ photo

Stai commentando usando il tuo account Google+. Chiudi sessione / Modifica )

Connessione a %s...